agosto 26, 2016

GLOSSARIO DEL FOOTGOLF

Ace – Buca conclusa con un solo colpo: -> v. hole in one

Albatross – Punteggio inferiore di tre colpi rispetto al par di una buca. Ad es. 1 colpo in un par 4. L´albatross segnato da Gene Sarazen alla buca 15 nel giro finale del Masters del 1935 passa per essere il più famoso colpo della storia del golf. Detto anche: doppio eagle.

Approccio – Colpo giocato in prossimità del green per avvicinarsi il più possibile alla buca.

Avant-green – Parte del fairway nelle immediate adiacenze del green. (Ingl. Apron; fringe).

B

Backspin – Effetto rotatorio all´indietro dato alla palla. Consente di fermare la palla immediatamente all´impatto con il green ed eventualmente di farla retrocedere in seguito al rimbalzo. (Ingl. Backspin, bite, action).

Bandiera – Bandiera recante il numero della buca attaccatta alla sommità dell´asta. Le parole asta e bandiera sono per lo più usate come sinonimi. “Mettere palla in asta / Mettere palla in bandiera” “Custodire l´asta / Custodire la bandiera” “La bandiera si trova a venti passi da bordo green”.

Bermuda grass – Tipo di erba particolarmente diffuso sui migliori campi da golf.

Birdie – Punteggio inferiore di un colpo rispetto al par di una buca. Ad es. 3 colpi in un par 4. “Ho fatto birdie alla 4”.

Bogey – Punteggio superiore di un colpo rispetto al par di una buca. Ad es. 5 colpi in un par 4. “Ho fatto bogey alla 4”.

Buca – Termine ambiguo con cui si indica sia il “buco” nel terreno all´interno del quale si deve cercare di far cadere la palla, sia il tracciato che dal tee porta al buco stesso. Il numero di buche in un campo da golf è sempre composto da un multiplo di 3 e varia in genere da 3 a 36, con grandissima preponderanza per i campi a 18 buche. Un giro convenzionale è sempre composto di 18 buche. (Ingl. 1, Cup; 2, Hole)

Bunker – Ostacolo sabbioso, situato il più delle volte in una depressione del terreno. E´ particolarmente inviso ai principianti. Più raro il “bunker d´erba” costituito da una mera depressione del terreno, simile per forma a dimensioni al bunker tradizionale, ma privo di sabbia.

C

Campo – Area adibita al gioco. (Ingl. Course).

Cart – Automobilina il cui utilizzo è consentito nelle gare di circolo ai giocatori seniores o a chi presenti un certificato medico. Non usi il cart chi può farne a meno!

Clubhouse – Edificio che ospita la segreteria, gli spogliatoi, il ristorante, il deposito delle sacche ecc.

Colpo di penalità – Quel colpo che, secondo le Regole del golf, dovrà essere aggiunto al punteggio di un giocatore.

Custodire l´asta – Trattenere l´asta per mostrare ad un compagno che sta puttando la posizione della buca nei putt dalla lunga distanza e toglierla una volta eseguito il colpo per evitare che venga colpita dalla palla che sopraggiunge. (Ingl. To attend the flag; to tend the flag).

Doppio bogey – Punteggio superiore di due colpi rispetto al par di una buca. Ad. es. 6 colpi in una buca par 4. “Ho fatto doppio bogey alla 8”.

Doppio eagle – Vedi albatross.

E

Eagle – Punteggio inferiore di due colpi rispetto al par di una buca. Ad es. 2 colpi in un par 4.

Etichetta – Insieme di regole, scritte e non scritte, che hanno per oggetto la tutela del campo ed il rispetto del gioco e della concetrazione altrui. Tra le più importanti norme di etichetta: riparare i pitch mark, rastrellare i bunker, rimettere a posto le zolle, non danneggiare il campo con swing di pratica, non parlare o fare rumore durante il gioco di un compagno, non muoversi durante il gioco di un compagno, non stare lungo la linea di gioco di un compagno, muoversi velocemente negli spostamenti tra un colpo e l´altro, non rallentare il gioco, abbandonare il green senza indugio una volta terminata la buca, seguire sempre il volo della palla di un compagno ed aiutarlo nelle ricerche, concedere il passo alla partita seguente quando si rallenta il gioco. Non lanciare i ferri per aria od urlare in caso di colpo sbagliato è semplicemente una norma di buona educazione. (Ingl. Etiquette).

F

Fairway – Zona di erba accuratamente rasata che separa il tee dal green, circondata solitamente dal rough.

Fuori limite – Zona del campo interdetta al gioco delimitata da paletti bianchi. (Ingl. Out of bounds, OB).

G

Giro convenzionale – Le buche che devono essere giocate in un determinato ordine per completare una gara. (Ingl. Stipulated round).

Golf Cart – La macchinina con la quale ci si può spostare sul campo.

Green – Zona di erba finemente rasata situata al termine della buca, all´interno del quale viene piazzata la bandiera. Più l´erba è tagliata finemente ed il green è secco più il rotolamento della palla diventa veloce, incontrollabile e soggetto alle pendenze. I green vengono tenuti secchi e rasati nelle gare di circolo importanti e nei tornei professionistici in modo da rendere particolarmente difficile il putt.

Green fee – Quota giornaliera dovuta per giocare in un circolo del quale non si è soci.

Greenie – Segnare un par o meglio in una buca in cui si è raggiunto il green nei colpi regolamentari.

Green in regulation – Green nei colpi regolamentari. Green raggiunto con due colpi in meno del par. Prendere un green nei colpi regolamentari significa raggiungere i green dei par 3 con un colpo, i green dei par 4 con uno o due colpi ed i green dei par 5 con due o tre colpi. La percentuale di green in regulation è un indice dell´abilità nel gioco lungo in particolare e dell´abilità di un giocatore in generale.

Greenkeeper – Esperto in agronomia che si occupa della manutenzione dell´erba, della scelta della semina e del tipo di taglio dell´erba. In questo modo il greenkeeper decide se i green debbano essere più o meno veloci (e quindi difficili da giocare) ed i rough più o meno folti.

H

Hook – Colpo ad effetto con rotazione pronunciata da destra a sinistra (per i giocatori destrorsi). Il più delle volte è involontario. E´ detto anche “gancio”.

Hole in one – Buca completata in un solo colpo, tipicamente in un par 3. In italiano “buca in uno”. Nei tornei professionistici, la buca in uno in una determinata buca è spesso premiata con un´automobile, mentre numerosi sponsor inviano omaggi ed attestati a qualsiasi dilettante che realizzi una buca in un uno nel corso di una gara ufficiale. È detta anche, più raramente, “ace”.

I

Imbucare – Far cadere la palla in buca. (Ingl. To sink; to hole out; to get down).

Impedimenti sciolti – Oggetti naturali non infissi nel terreno, come foglie secche e sassi. (Ingl. Loose impediments).

In bandiera – Si dice di palla che si ferma in prossimità della buca. (Ingl. Stony).

L

Leggere il green – Studiare la pendenza del green allo scopo di intuirne l´influenza sul rotolamento della palla, osservandolo da più angolazioni prima di eseguire un putt o un approccio. (Ingl. Reading the green).

M

Marcatore – Giocatore responsabile della marcatura dello score di un compagno di gioco. (Ingl. Marker).

Marchino – Segnalino piatto utilizzato per marcare la posizione della palla in green prima di sollevarla. I giocatori più snob utilizzano, in luogo del marchino, una moneta di piccolo conio.

O

OB – Acronimo per Out of bounds. Vedi Fuori limite.

One putt – Putt imbucato al primo tentativo.

Onore – Diritto a giocare per primi il colpo di partenza in una buca. Spetta a chi ha giocato la buca precedente nel minor numero di colpi. In caso di parità vale l´onore della buca precedente. Alla buca 1 l´onore è stabilito dallo starter. (Ingl. Honour).

Ooooop! – Urlo di pericolo lanciato quando un colpo storto si dirige pericolosamente nella direzione di una squadra in gioco su un altra buca. (Ingl. Fooooore!).

Ostacolo – Elemento permanente del campo finalizzato ad ostacolare il gioco, come un bunker o un ostacolo d´acqua. (Ingl. Hazard).

Ostruzione – Qualsiasi cosa prodotta dall´uomo che ostacoli il gioco. Può essere movibile o inamovibile. In entrambi i casi è possibile ovviare all´ostruzione senza penalità. (Ingl. Obstruction).

P

Par – Numero di colpi ideale per concludere una buca. Si ottiene sommando i due putt canonici al numero di colpi normalmente necessari per raggiungere il green (vedi green in regulation) . Una buca può essere par 3, par 4 o par 5 a seconda della lunghezza; le buche par 3 variano approssimativamente dai 70 ai 200 metri, le buche par 4 dai 250 ai 400 metri, le buche par 5 dai 450 ai 550 metri. Il par del campo si ottiene sommando il par delle singole buche ed è normalmente di 72 colpi, più raramente di 71, 70 o 69 colpi, nei campi di 18 buche. “Ho fatto il par alla 4 e alla 5”.

Partenza / Tee di partenza – E´ la zona dalla quale si inizia il gioco di una buca. E´ un´area rettangolare delimitata frontalmente e lateralmente da 2 indicatori di partenza (normalmente sono palle).

Passo – Diritto di sorpassare una squadra lenta che intralcia il gioco. “Chiedere il passo”, “Concedere il passo”. (Ingl. Playing through).

Penalità – Colpo addizionale aggiunto allo score di un giocatore a causa di un´infrazione alle regole o di un droppaggio.

Pitch and run – Colpo d´approccio giocato in modo da far rotolare la palla in seguito all´impatto con il green.

Pitch mark – Danno causato dall´impatto della palla sulla superficie del green. Deve essere prontamente riparato. (Ingl. Pitch mark; ball mark).

Prime nove – Le prime nove buche di un percorso. E´ un traguardo ideale passato il quale si inizia a redigere bilanci parziali, cullare vane illusioni, coltivare propositi di abbandono (Ingl. Front nine).

Provvisoria – Palla che un giocatore può giocare, senza penalità, quando sospetta che la palla precedentemente giocata sia introvabile. (Ingl. Provisional ball).

Punch shot – Colpo controllato con traiettoria bassa, giocato principalmente in condizioni di vento forte o per passare al di sotto dei rami di un albero.

R

Recupero – Ovviare con successo alle conseguenze di un brutto colpo; portare la palla da una cattiva ad una buona posizione con un solo colpo. (Ingl. Recovery).

Regole locali – Regole addizionali stabilite per regolamentare situazioni particolari che si possono verificare frequentemente in un determinato campo.

Rough – Zona di erba alta che circonda la buca su tutti e quattro i lati. Il tipo di erba utilizzato nel rough e l´altezza media a cui viene tagliato sono uno degli elementi distintivi di un campo che ne determinano la difficoltà.

S

Sand saves – Salvataggi dal bunker. Sono le uscite dal bunker seguite da un singolo putt imbucato. Sono indici di abilità nel gioco dal bunker.

Sbordare – Si dice di palla che corre lungo l´orlo della buca facendo un giro a parabola senza cadere in buca.

Scimmia – Personaggio immaginario a cui si attribuiscono i rimbalzi fortunosi che riportano verso il fairway i colpi storti .

Score – Carta segnapunti. Con il termine “score” si indica anche il punteggio ottenuto in una partita.

Seconde nove – Le seconde nove buche di un percorso. (Ingl. Back nine).

Sopra – Numero di colpi di cui si è in svantaggio rispetto al par (nelle gare a colpi) o rispetto all´avversario (nelle gare match play). “Tizio è due sopra”. (Ingl. Up).

Sotto – Numero di colpi di cui si è in vantaggio rispetto al par (nelle gare a colpi) o rispetto all´avversario (nelle gare match play). “Tizio è due sotto”. (Ingl. Down).

Sudden death – Spareggio ad oltranza che assegna la vittoria al primo giocatore che gioca una buca in un numero di colpi minore degli avversari. Assimilabile al “golden goal” del calcio.

T

Taglio – Nei tornei professionistici, l´esclusione dal 3° e 4° giro dei peggiori in classifica dei primi due giri. “Passare il taglio”. “Tizio ha passato il taglio in 36 tornei consecutivi”. (Ingl. Cut; to make the cut).

Tee – Piazzola di partenza situata all´inizio di ogni buca. Lo stesso nome indica anche il supporto in legno che si usa per mantenere sollevata la palla da terra quando si gioca il colpo di partenza di ogni buca.

Terreno in riparazione – Terreno danneggiato segnalato da paletti blu o da una linea bianca, dal quale è possibile droppare senza penalità. Sinteticamente noto come “T.R.”. (Ingl. Ground under repair).

U

Up & down – Par o birdie segnato in una buca in cui non si è preso il green nei colpi regolamentari. La percentuale di up & down è un indice dell´abilità nel gioco corto. Vedi Recupero.

V

Vola! – Urlo di incoraggiamento rivolto alla palla quando questa dà l´impressione di volersi fermare in un brutto posto (Ingl. Get legs!).

Volo – Parte principale della distanza compiuta da una palla, a cui segue il rotolamento. E´ preso in considerazione come condizione minima per superare un ostacolo. “Per passare l´acqua è necessario fare 150 metri di volo”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca qui per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi